Ambiente e salute, due giornate tra sanità e teatro

Ambiente e salute, due giornate tra sanità e teatro

La prima giornata sarà dedicata alle scuole e alle attività didattiche con un incontro dal titolo “Ambiente, Clima e Salute. Educare alla Responsabilità”. Sarà l’occasione per Maria Grazia Serra, coordinatrice nazionale del progetto scuola di ISDE, di illustrare le iniziative sin qui messe in campo, con la collaborazione dell’azienda Aboca\Apoteca Natura, nelle scuole italiane. Al termine della giornata, all’ Orfeo di Taranto lo spettacolo teatrale di Luca Mercalli e della Banda Osiris dal titolo “Non ci sono più le quattro stagioni”.





La Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, l’Associazione Medici per l’Ambiente e l’Ordine dei Medici di Taranto, con la collaborazione del Ministero della Salute, il supporto tecnico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e il patrocinio del Comune di Taranto hanno organizzato la Conferenza Nazionale su clima, inquinamento atmosferico e salute, domani e dopodomani a Taranto.



Un recente studio internazionale indica l’Italia tra i Paesi al mondo a più alto rischio di mortalità per ondate di calore; ci sono prove concrete di pericoli per i volumi e la qualità delle produzioni agricole, per la sicurezza alimentare, per l’equilibrio degli ecosistemi terrestri, la biodiversità, fattori questi che contribuiscono anche ad alimentare le ondate migratorie. L’inquinamento atmosferico, uno dei fattori su cui i cambiamenti climatici incidono più pericolosamente, è da tempo a livelli di allarme nella maggior parte delle principali città italiane, per la frequenza e i livelli di superamento dei limiti di sicurezza, raccomandati dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), a protezione della salute umana. Ciò comporta un aumento di infezioni delle vie aree, di malattie cardio-vascolari e ictus, bronco pneumopatie cronico-ostruttive e tumori. Ogni anno, in Italia, più di 30mila morti sono attribuibili a inquinamento atmosferico e la pur significativa riduzione delle emissioni, degli ultimi dieci anni, non sempre si è tradotta in una proporzionale diminuzione delle esposizioni, soprattutto nelle aree del paese caratterizzate da variabili geografiche e meteo-climatiche sfavorevoli. Il secondo giorno sarà interamente dedicato al lancio della campagna nazionale su Clima, Inquinamento atmosferico e salute. Una campagna, realizzata con la collaborazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che punta, oltre a lanciare un appello nazionale in vista sia della COP24 di Katowice che della prima conferenza internazionale dell’OMS su inquinamento atmosferico e salute, a costruire una strategia di formazione per i medici italiani sulle tematiche della salute correlate all’ambiente e ai cambiamenti climatici. Prioritario sarà, inoltre, il coinvolgimento delle municipalità italiane e il ruolo attivo dei medici quali promotori di stili di vita e di scelte responsabili a favore dell’ambiente e della salute umana. Sarà una due giorni ricca di interventi autorevoli, sia sul piano istituzionale che medico-scientifico; saranno presenti, tra gli altri Cosimo Nume, Filippo Anelli, Emanuele Vinci, Rinaldo Melucci, Rocco De Franchi, Roberto Romizi, Agostino Di Ciaula, Samantha Pegoraro, Ferdinando Laghi e Patrizia Gentilini.

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti...




Dove andare a Taranto

Medimex, Kurt Cobain in mostra al MarTa di Taranto
from to
Laterza, estate nelle masserie aperte
from to