Campomarino dà alla luce sette tartarughe

    Alle 6,50 di questa mattina hanno fatto capolino, dalla sabbia, sette piccole tartarughe marine dal nido di Campomarino di Maruggio (Taranto).
    Il nido, seguito dallo staff tartarughe marine che fa capo all’Oasi WWF di Policoro, era stato rinvenuto a seguito della mareggiata del 13 agosto presso il lido Paradise Beach. Le uova erano stato traslocate per due volte a seguito delle violente mareggiate di fine estate, alla ricerca di un luogo più sicuro per la conservazione del prezioso carico. Attualmente sul posto operano i collaboratori di Greenrope e i volontari dell’Oasi WWF di Policoro: vista la temperatura ormai fredda della sabbia – le neonate si immobilizzano dopo pochi metri percorsi e non arrivano al mare – le piccole tartarughe vengono prelevate dai volontari, trasportate e rilasciate in mare aperto.

    Un nido un po’ sfortunato  – spiegano da WWF – ma l’impegno e la tenacia di biologi e volontari e delle piccole di Caretta caretta ha portato ad un altro risultato positivo che rientra nell’azione C1 del Progetto Europeo Euroturtles “Azioni collettive per l’implementazione della conservazione delle popolazioni di tartarughe marine della comunità europea”.

    Ottimi risultati sta dando anche la collaborazione tra WWF Policoro, Greenrope e Jonian Dolphin Conservation che negli ultimi 3 anni hanno lavorato insieme su 5 nidi portando alla schiusa nel Golfo di Taranto più di 400 uova.