Taranto, scoppia il caldo… ed è subito estate

Taranto, scoppia il caldo… ed è subito estate

La colonnina di mercurio è salita sopra i venti gradi ed a Taranto è subito estate. La seconda domenica di aprile fa da spartiacque: l’inverno sembra un ricordo lontano confinato nell’armadio insieme ai cappotti e ai maglioni pesanti. Il pensiero già corre alla tintarella e ai tuffi in mare. Sono tanti, però, i tarantini che non hanno aspettato e, incoraggiati, dal sole hanno preso contatto con sabbia e salsedine.





Domenica in spiaggia, con i jeans arrotolati e la t-shirt, il costume e le infradito. Una breve corsa in auto lungo la litoranea prima di specchiarsi su baie placide e rilucenti, ancora assopite dal lungo inverno. Prove d’estate con i soliti problemi. Insieme ai primi timidi tuffi, infatti, sono comparsi i anche cafoni del mare (avvistati in zona Saturo) a bordo di potenti acquascooter esibirsi in pericolose evoluzioni fin quasi  sul bagnasciuga.





Sole e mare sono un grande risorsa. Un grande patrimonio che la provincia di Taranto non riesce ancora a utilizzare e valorizzare al meglio. L’estate è alle porte e tra qualche settimana, puntualmente, riparleremo dei soliti problemi: dalla pulizia delle spiagge, alla carenza di parcheggi; dal traffico, alla mancanza di adeguate strutture ricettive e di accoglienza. Insomma, abbiamo un paradiso, ma facciamo di tutto per trasformarlo in un inferno.

Potrebbero interessarti...