Arezzo Wave Love Festival, stasera a Taranto la finale regionale

Sembra strano, ma c’era un mondo anche prima dei talent show televisivi. Era fatto di rapporti umani, di applausi e fischi. Un mondo in cui la musica girava forse più potente e dirompente di adesso. In quel mondo (siamo alla fine degli anni Ottanta), in cui una band costruiva ancora il suo successo suonando nei club, incidendo tape su nastro e vinili “EP”, nacque Arezzo Wave, una gara tra gruppi rock, un grande festival, un’occasione per suonare e fare un po’ di casino.


La dimensione “pionieristica” dei primi anni, ha lasciato spazio ad un’organizzazione consolidata e capillare che fa di “Arezzo Wave Love Festival” una realtà importante per la promozione di nuove band e nuovi suoni. Quest’anno, per la prima volta, la finale regionale del festival si tiene a Taranto, una piazza che musicalmente tra gli Ottanta ed i Novanta ha detto la sua. Un blasone che gli eredi di quella tradizione fanno rivivere  con la finale di questa sera, al Villanova di Pulsano, uno dei locali musicalmente più innovativi, attenti e dinamici della Puglia.



In palio, oltre alla partecipazione al festival estivo di Arezzo, l’opportunità di suonare su importanti palchi italiani ed esteri: Festival Europavox in Francia, Rototom Sunsplash in Spagna, Exit Festival o Eurosonic Noorderslag in Olanda. Inoltre sarà assegnato anche il “Premio Siae” (una borsa di studio del valore di 1.000 euro), tre giorni in studio di registrazione e la realizzazione di un videoclip in collaborazione con La Tana del Bianconiglio – Recording Studio e l’etichetta Phonarchia Dischi.

Cinque le formazioni che si contenderanno il passaggio alla fase nazionale e gli altri premi in palio che l’hanno spuntata su oltre 100 agguerritissime band iscritte al concorso.
DUBLA (Taranto): Eugenio Dubla – voce; Giacomo Abatematteo – batteria; Alessandro Favale – basso.
IL GIUNTO DI CARDANO (Foggia): Mariano Cericola – basso; Andrea La Gatta – chitarra; Giuseppe Colangelo – voce.
LA CHIRURGIA ETICA (Lecce): Cristiana Francioso – chitarra; Sara Villa – voce; Lorenzo Caraccio – basso; Giorgia D’alessandro – batteria; Dario Santantonio – chitarra.
LOPERFIDO (Bari): Nicola Donvito – basso; Donato Bellacicco – chitarra; Donato De Marco – batteria.
VERSI VERLAN (Brindisi): Lorenzo Rinaudo – voce; Marcantonio Baldari – basso; Giuseppe Assente – batteria.

La giuria è composta da giornalisti, musicisti e operatori dello spettacolo: Tommi Bonvino, Giorgio Consoli, Alberto Dati, Christian Limone, Ciro Merode, Tore Nobile e Michele Tursi che garantisce un pizzico di… “la Ringhiera”. Presenta la fortissima Sabrina Morea che rientra in attività dopo uno stop forzato, alla quale rivolgiamo un grosso in bocca al lupo. Al termine del concerto, double zone dj set con Ciro Merode, Sabrina Morea, Lello Santoro, David Strauss, guest Carlo Chicco.



Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled