A Taranto nessun equivoco: il nostro Primo Maggio ha un senso chiaro e forte!

A Taranto nessun equivoco: il nostro Primo Maggio ha un senso chiaro e forte!

Secondo l’eurodeputata tarantina, Rosa D’Amato, “non è un caso che il vero Primo Maggio sia ormai quello di Taranto. Da quattro anni è cosi’.


“Certo – sostiene la grillina – una intera generazione di italiani, soprattutto l’avanguardia che della musica ha fatto anche uno stile politico e di vita, è cresciuta col fascino dell’appuntamento musicale capitolino, inutile negarlo. A migliaia, da ogni parte d’Italia sino a quattro anni fa, giovani (e anche meno giovani) si sono messi in marcia con ogni mezzo, destinazione Roma, pur di prendere posto in piazza San Giovanni e partecipare dal vivo alla maratona musicale.  Di fronte a un palco griffato dalla triplice, migliaia di ragazzi, il Primo Maggio di ogni anno, a Roma, si sono sentiti uniti. Fieri e convinti di essere all’opposizione del Governo di quel momento: purtroppo, hanno spesso dimenticato di essere a San Giovanni su invito del sistema che stavano contestando” E siamo al punto. Secondo la D’Amato, “Questo equivoco a Taranto non lo corriamo. Da noi, in Puglia, nella città che ha tremila anni di storia e appena 50 di acciaio (altro che vocazione industriale!!!) il Primo Maggio  – prosegue l’europarlamentare – è un concerto con le idee chiare, le parole forti, il tono adeguato e la piattaforma salda, ferma sulla realtà. “Una città da salvare” recita lo striscione che campeggia nel Parco Archeologico del capoluogo ionico. A Taranto, grazie all’impegno del Comitato dei Liberi e Pensanti e del movimentismo sociale e solidale che ruota attorno a questo grande evento, ci si incontra il Primo Maggio per ribadire e puntellare un concetto di fondo: TARANTO ha una sua coscienza civile, TARANTO sa che quel che vuole, TARANTO si batte per ottenere finalmente ciò che vuole: VIVERE di terra, di mare e di luce propria. Ma soprattutto respirare. Dunque – elenca Rosa D’Amato –  trarre profitto dalla storia, declinare in tutti i modi possibili le tradizioni, scompaginare il canovaccio del Governo, demolire i decreti salva Ilva, liberare la comunità dal ricatto occupazionale che ancora strozza le (troppe) voci timide, approdare finalmente sull’Isola (la Città Vecchia)  e dichiararla una volta per tutte libera da speculazioni e false promesse, cantare a squarciagola che qui di lavoro si muore ogni giorno, lentamente, ogni giorno! Cantare, ballare, urlare, riflettere e far capire all’intero Paese che a Taranto la musica è cambiata.  Questo è il Primo Maggio tarantino. Non ci sono equivoci. TARANTO LIBERA” chiude la portavoce MS5 a Bruxelles. 



 


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to