Bici che passione, mercato al +20%. Nuovi modelli gravel e pedalata assistita di Bianchi e Trek

Bici che passione, mercato al +20%. Nuovi modelli gravel e pedalata assistita di Bianchi e Trek

Vola il mercato delle due ruote, non quelle a motore ma quelle a pedali e con pedalata assistita. Il 2020 è stato un anno record. Secondo i dati dell’Associazione nazionale ciclo motociclo accessori di Confindustria, l’anno si chiude con un +20%. L’incremento sarebbe stato anche maggiore, ma ad un certo punto le bici sono diventate introvabili. A decretare questa rinnovata voglia di bicicletta, probabilmente, hanno contribuito una serie di fattori: la pandemia e la conseguente necessità di utilizzare sistemi di trasporto più sicuri dei mezzi pubblici; l’ecobonus del governo, la chiusura di centri sportivi, palestre, piscine.


Una nuova primavera per un mezzo antico che ha saputo rinnovarsi e adeguarsi alle nuove tecnologie risultando vincente in termini di ecocompatibilità nella sfida della mobilità, soprattutto urbana. I nuovi mezzi a pedalata assistita, però, aprono scenari che guardano anche a medie e lunghe distanze. Senza dimenticare il gran numero di sportivi e appassionati della bicicletta.



Nonostante le momentanee difficoltà di approvvigionamento, i costruttori offrono sempre nuovi prodotti. Tra le tendenze del momento ci sono sicuramente le gravel e le bici a pedalata assistita. Gravel per molti significa libertà di movimento tanto su strada quanto su sentieri sterrati a diretto contatto con la natura. Ideale per la città, quanto per escursioni fuori porta e cicloturismo. Un segmento verso il quale si concentra l’impegno di molti produttori.

Bianchi in questi giorni ha presentato il nuovo modello gravel in carbonio “Arcadex”. Un prodotto di fascia medio alta per ciclisti smaliziati ed esigenti. Il telaio in carbonio dell’Arcadex pesa 1.100 grammi (in taglia 55). Il nome è ispirato alla leggendaria regione del mito classico Arcadia, un luogo dove regnava l’armonia della natura. Una gravel in stile Bianchi. Il design del telaio è stato ottimizzato per favorire la performance dal punto di vista aerodinamico, mentre lo spazio per gli pneumatici da 700×42 o 650×47 permette di affrontare senza timori anche le superfici più irregolari. Arcadex è predisposta per l’installazione di parafanghi e portapacchi, in modo da poter diventare facilmente un mezzo per il bikepacking ad andature sostenute. E’ disponibile con trasmissione manuale o elettrica, in due varianti colore, ispirate alla natura: gold storm e l’iconico celeste Bianchi, accompagnate da “blue note”, una tonalità intensa e di grande impatto. (La foto della Bianchi Arcadex utilizzata in questo articolo è fornita dall’ufficio stampa. Credits: Olafpix).

Nel già affollato panorama delle biciclette a pedalata assistita a novembre è arrivata Allant+ 5 di Trek. Si tratta di una city bike elettrica che “si trova a proprio agio negli spostamenti quotidiani e sui sentieri battuti – scrive la casa costruttrice – e tappresenta inoltre l’opzione in carbonio più leggera”. Un mezzo sicuramente versatile, ma anche questo destinato ad un pubblico di fascia medio alta.


Allant+ 5 è dotata Bosch CX da 85Nm, con un display Bosch Purion e con una batteria da 500Wh a lunga autonomia. La sospensione anteriore bloccabile garantisce la massima fluidità di guida per conservare le forze più a lungo. Il modello in lega più leggero della famiglia Allant+ è costruito con una geometria veloce e confortevole. Allant+ 5 è disponibile con telai configurati secondo tre geometrie, inclusa un’opzione Lowstep per semplificare al massimo la salita e la discesa dalla sella. (Credits: foto tratta dal sito trekbikes.com)


Annunci

Dove andare a Taranto

Locus Festival 2021, tutti gli ospiti e le date
from to
Scheduled
Cinzella, anche Tricky e Almamegretta alle Cave di Fantiano
from to
Scheduled