“Canto la mia terra”, il nuovo show di Franco Cosa dedicato a Taranto

“Canto la mia terra”, il nuovo show di Franco Cosa dedicato a Taranto

E’ la voce di Taranto. Black, graffiata e appassionata. Franco Cosa, prima di essere cantante e musicista, è innamorato della sua città.


La sua carriera lo ha portato lontano dai “due mari”. Decenni trascorsi in tournèe, girando in lungo e in largo la Penisola. Ora Franco Cosa ha deciso di aprire una nuova fase del suo percorso artistico.



Una fase durante la quale si dedicherà alla sua terra. Lo showman, infatti, sta concentrando la sua creatività su un progetto musicale e culturale interamente dedicato a Taranto, intitolato: “CANTO LA MIA TERRA”.

CANTO LA BELLEZZA DI TARANTO

Un repertorio di brani, canzoni, immagini, suggestioni, scritte e/o interpretate dall’eclettico artista. “Con questo progetto – spiega Franco Cosa – voglio ripercorrere e mettere in evidenza le varie peculiarità, la bellezza che fanno di Taranto una città unica per i suoi concittadini e di assoluto interesse per turisti e appassionati di culture popolari”.

La prima del nuovo spettacolo dello showman è programmata per il prossimo 10 maggio. Un giorno non casuale, visto che coincide con la festa di San Cataldo, patrono di Taranto.


Lo spettacolo andrà in scena al Teatro Orfeo di Taranto, nel rispetto delle norme anticovid, ma sarà trasmesso in diretta streaming e quindi fruibile a tutti. Nei prossimi giorni l’organizzazione fornirà le indicazioni su orari e modalità per seguire lo streaming di “CANTO LA MIA TERRA”, comodamente da casa, sui social, mediante cellulare, tablet, pc.

UNO STAFF DI GRANDI TALENTI

Cosa rivolge il suo ringraziamento ai fratelli Adriano e Luciano Di Giorgio, titolari dell’Orfeo. “Adriano e Luciano – aggiunge il cantante e showman – oltre alla loro grande disponibilità, sono da sempre legati ai talenti della nostra terra e da operatori culturali del territorio operano per la loro promozione e valorizzazione”.

Sul palco dell’Orfeo, Franco Cosa sarà accompagnato da un gruppo di validissimi musicisti: Gianni Caloro (piano elettrico- tastiere), Francis Pelizzari (batteria-percussioni), Vincenzo Zecca (chitarre), Gianni Binetti (Sax), Roberto Andrisani (basso elettrico – basso ukulele), Ida Grasso (cori).

La parte tecnica sarà curata da Tiziano Dragone (mixer) e Provinciali (Service audio- luci). Lo spettacolo sarà intervallato dalla narrazione curata da Silvia Quero scrittrice, giornalista, e studiosa della storia di Taranto.

Ma c’è un’altra novità. Da domani, Giovedì santo, andrà in onda sulle frequenze di Antenna Sud, il video dal titolo “Isola madre”, dedicato all’Addolorata ed a tutti i tarantini che ogni anno si stringono intorno al simulacro della Vergine Addolorata in processione.


Annunci

Dove andare a Taranto