Cimolai a Confindustria Taranto: Così stiamo coprendo i parchi Ilva

Cimolai a Confindustria Taranto: Così stiamo coprendo i parchi Ilva

“Una partecipata e interessata platea ha accolto la visita in Confindustria Taranto di Andrea Faggiani, direttore tecnico e commerciale di Cimolai SpA, azienda leader nel settore delle costruzioni in acciaio che realizzerà i lavori di copertura dei parchi minerale e fossile dell’Ilva”. Così da Confindustria Taranto, poco fa, a margine dell’incontro con i tecnici della Cimolai, azienda che lo scorso mese ha avviato il cantiere per la megacopertura del parco minerali dell’Ilva di Taranto.


Una platea attenta e interessata, naturalmente, visto che in subappalto qualcosa dovrebbe pur restare sul territorio che quelle poveri respira da sessant’anni. L’ing. Faggiani, introdotto al confronto dal presidente di Confindustria Taranto Vincenzo Cesareo, ha illustrato agli imprenditori, dopo aver tracciato per grandi linee il progetto di copertura attraverso un rendering, i numeri essenziali della megastruttura, che, una volta ultimata, avrà una lunghezza di 700 metri ed una larghezza di 254, per un investimento complessivo di 300 milioni di euro.



Il progetto prevederà opere di ogni ordine e tipo e quindi l’impiego di aziende di diversa tipologia e di -mediamente – 200 operai al giorno. Per la sua realizzazione saranno utilizzate 60mila tonnellate di acciaio, 200mila metri cubi di calcestruzzo, 10mila tonnellate di armature e 24mila metri di pali di fondazione, per un totale di 700mila metri quadrati di copertura.

“La consegna dei lavori, già iniziati, avverrà a 24 mesi dall’avvio” confermano da Confindustria Taranto. Al termine, le imprese presenti hanno formulato alcune domande in ordine alle modalità di esecuzione ed alla tempistica dei lavori in programma.

Per Taranto e per le nostre aziende – ha dichiarato Cesareo – si tratta di un’opportunità che non ha precedenti e di una sfida da cogliere per la quale occorreranno professionalità, puntualità ed esperienza. La copertura dei parchi, oltre ad essere una struttura, per tipologia, unica al mondo, è anche – soprattutto – l’emblema di una trasformazione radicale, necessaria e attesa da tutta una comunità, una sorta di progetto- simbolo del riscatto di un’intera città in procinto, da tempo, di affacciarsi ad un nuovo corso di rapporti con la grande industria.  Anche per questo va il nostro sentito grazie a Cimolai per averci consentito questa opportunità di ulteriore conoscenza”.



Annunci

Dove andare a Taranto

Diodato al Cinzella Festival. Ecco il programma completo
from to
Scheduled
Taranto, torna "Onde-Immaginari Sonori", festival di musica indipendente
from to
Scheduled