Cosa cambierà in Puglia in caso di “zona rossa”: le risposte alle domande frequenti

Cosa cambierà in Puglia in caso di “zona rossa”: le risposte alle domande frequenti

La decisione verrà assunta venerdì prossimo, nel corso del monitoraggio periodico sull’andamento territoriale dell’epidemia. La Puglia, secondo rumors romani sempre più insistenti, starebbe viaggiando diritta verso la fascia rossa. Adesso – com’è noto – è in fascia arancione.


Le ipotesi in campo, in caso di variazione, sono due: zona rossa per l’intera regione o zona rossa solo per singole province ritenute ad alto rischio.



Cosa cambierebbe con il passaggio da arancione a rosso? Ecco alcune faq (anche qui):

Quanto durano le misure? Quindici giorni.
Devo avere l’autocertificazione? Si.
Posso uscire dal mio Comune? No, è vietato ogni spostamento salvo «comprovate esigenze di lavoro, studio, salute».
Posso accompagnare un figlio a scuola? Sì, consentiti gli spostamenti strettamente necessari.
Scuole aperte? Solo nidi, scuole per l’infanzia, elementari e prime medie.
Posso andare nei negozi? No: chiusi tutti i negozi ad eccezione di alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole.
Posso andare dal parrucchiere? Sì, parrucchieri e i barbieri sono aperti.
Posso andare in un centro estetico? No, sono chiusi.
Posso andare al bar o al ristorante? No: sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo.
Posso ordinare cibo a domicilio? Si.

Posso andare al mercato? No i mercati sono chiusi, salvo attività di vendita solo generi alimentari.
Posso fare sport nei centri sportivi? No. Attività sospesa, anche all’aperto. Posso andare a correre? Sì, in prossimità della propria abitazione rispettando distanziamento e utilizzo dispositivi di prevenzione.



Annunci

Dove andare a Taranto