Discutono, fanno a botte e poi gli spara

Prima un diverbio, poi un’animata discussione, una colluttazione e, infine, le pistolettate. E’ questa la drammatica escalation di violenza avvenuta questa mattina tra le province di Taranto e Brindisi. Protagonisti dell’episodio sono tre persone di Villa Castelli (Br) dove sono avvenuti i fatti.


Sono le sette del mattino quando M. P. arriva nei pressi della casa di Raffaele Nannavecchia, 51 anni. I due iniziano a discutere. Il tono sale subito. Nel diverbio si inserisce anche il figlio di Nannavecchia. Ma è Raffaele che, ad un certo punto, impugna una pistola e spara ferendo M.P. (già noto alle forze dell’ordine). Questi, poco dopo, raggiunge il pronto soccorso dell’ospedale di Grottaglie con ferite di arma da fuoco in varie parti del corpo. Anche il figlio di Nannavecchia resta lievemente ferito ma si fa medicare all’ospedale di Francavilla Fontana, sempre in provincia di Brindisi.



Immediatamente sono scattate le indagini congiunte condotte dalla Squadra Mobile di Taranto, dal commissariato di Grottaglie, dai carabinieri di Francavilla Fontana e di Taranto. I risultati non si sono fatti attendere e nel tardo pomeriggio è stato arrestato Raffaele Nannavecchia, ritenuto responsabile di tentato omicidio ai danni di M.P. , 30 anni, di Grottaglie, nonchè di porto e detenzione di arma clandestina. Le indagini hanno consentito di rinvenire e sequestrare l’arma utilizzata: una pistola a salve cal. 9×21 modificata e cinque proiettili.


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled