E Taranto finisce sul New York Times

E’ un lungo articolo quello dedicato dal New York Times all’Italia alla vigilia del voto del 4 marzo. Ed è un viaggio che inizia da Taranto, città simbolo delle contraddizioni di un Paese eternamente al bivio, sempre in procinto di ripartire ma ancora in attesa dello slancio decisivo. La città-fabbrica divisa tra chi vuole chiudere la parentesi dell’acciaio e chi, invece, spera ancora di trovare lavoro tra altiforni e cokerie.


Peter S. Goodman racconta un Paese sostanzialmente depresso,  il travaglio di una nazione attraverso le promesse dei partiti, le imprese che si lasciano la crisi alle spalle e quelle che ancora combattono. I tetti del rione Tamburi campeggiano nella foto di apertura e nel testo scorrono le immagini degli operai dell’Ilva che escono dalla fabbrica. L’Italia al voto. Risultato incerto. Gli occhi del mondo ci osservano.




Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to