Ex Ilva, slitta l’intesa Invitalia-Arcelor Mittal. Taranto spettatrice del suo futuro

Ex Ilva, slitta l’intesa Invitalia-Arcelor Mittal. Taranto spettatrice del suo futuro

Sull’ex Ilva l’Italia gioca in difesa. Anzi, in affanno. La firma dell’intesa tra Arcelor Mittal e Invitalia, attesa oggi, slitta all’11 dicembre. Il ministro allo Sviluppo economico Stefano Patuanelli attende l’ultimo giorno per convocare i sindacati ma tre minuti prima dello orario fissato comunica che la riunione si svolgerà a distanza.


Il Governo si dimentica di tutti gli altri, a cominciare dai tarantini. Protesta il sindaco Rinaldo Melucci, protestano movimenti e associazioni. Invano. Roma ha deciso: lo Stato torna nelle acciaierie. Non ci sono più l’Iri e la Finsider, c’è Invitalia.



L’accordo sarebbe comunque cosa fatta. Invitalia dovrebbe entrare con il 50% in AM Investco. Questo assetto dovrebbe essere mantenuto fino al 2022 quando scadrà il contratto di affitto degli impianti. Taranto, ancora una volta resta esclusa, spettatrice del suo futuro.


Annunci

Dove andare a Taranto