Il Grande Spirito, la periferia di Taranto nella pellicola di Rubini

Il Grande Spirito, la periferia di Taranto nella pellicola di Rubini

Taranto, periferia. Una rapina, un ladro che scappa dai suoi complici, la rincorsa sui tetti, nomi e storie improbabili, o forse sì, e per questo altamente cinematografici. Da guardare.


Il Grande Spirito sarà nelle sale italiane dal prossimo 9 maggio. L’anno scorso, Sergio Rubini lo ha girato tra Tamburi, Porta Napoli e in provincia, accanto a Rocco Papaleo. Distribuito da 01, la pellicola vede anche la presenza di Ivana Lotito, Bianca Guaccero e Geno Diana. Una produzione Fandango e Rai Cinema.



La storia è ambientata a Taranto, in periferia.  Tonino detto Barboncino (Sergio Rubini) approfitta della distrazione dei suoi due complici scappa col malloppo frutto di una rapina. Durante la fuga si imbatte  in un personaggio strano interpretato da Rocco Papaleo, convinto di essere un esponente della  tribù dei Sioux… (foto Fandango locandina film)


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to