Il mare e altri racconti, primo libro di una nuova collana Mandese

Il mare e altri racconti, primo libro di una nuova collana Mandese

Una nuova collana di racconti avviata da Antonio Mandese Editore & figli, è diretta da Antonio Pepe. Prima uscita “Il Mare e altri racconti”, porta la firma di Augusto Ressa.


Si tratta di una carrellata di variazioni e sfumature della dimensione complessa dell’essere umani.  Un gioco caleidoscopico in cui non tutto è come sembra e spesso il giudizio, che viene prima della conoscenza approfondita delle sensazioni, può essere ingannevole. Oggi, ieri, il domani compressi in una prosa lieve che sa sfiorare le parole e accompagnare il lettore fin dentro i luoghi delle tante storie che incontriamo. Nella vita dei personaggi in cui viviamo e sogniamo, per il breve tempo che la lettura di un racconto ci fa attraversare. Poi il mare, minimo comune denominatore di uno stile trasparente e azzurro, di un ritmo sonoro che ‘culla’ i lettori dentro le storie, fino in profondità. Cuore azzurro, affine ad ogni inclinazione dell’animo umano. Immagine sensibile di una mediterranea vocazione ad una letteratura frammentaria e ben ancorata a quella dimensione culturale propria di una scrittura aggrappata alle radici di questa avventura che chiamiamo vita.



La vecchia Mary dimentica della precarietà della propria vita, al freddo e avvolta di stracci, canta e guarda in cielo le nuvole che “erano leggere, e belle”. La pagina dopo ti sorprende e diverte con la reazione stizzita di Livia alle lamentele del vicino di casa, disposta a tutto, pur di non perdere l’appuntamento con il parrucchiere. E che dire di: “cara signora Franca, le uova con asparagi sono nel frigo”? E poi c’è la tenerezza per la signorina Liliana,  così presa  dalla preparazione del concerto mozartiano dei suoi giovani allievi.Tutto mescolato, come nella vita.

Augusto Ressa (Taranto 1953) è architetto dal 1977. Fra i suoi lavori, il riallesti­mento del Museo Nazionale Ar­cheologico di Taranto (MArTA) e numerosi interventi di restau­ro monumentale fra i quali la cattedrale di Taranto, il Castel­lo di Copertino (LE), il Palazzo Imperiali di Francavilla Fontana (BR), il mosaico della cattedrale di Otranto (LE) 2008. Ha curato l’allestimento di mostre in Italia e all’estero. Fra queste: l’esposizione della “Tomba dell’Atleta di Taranto” al World Art Museum di Pechi­no, e la mostra “Dalla pianta al banchetto” a Castel del Monte (Andria). Alterna l’attività professio­nale con quella convegnistica e di divulgazione culturale, anche attraverso interventi in pubbli­cazioni scientifiche


Annunci


Dove andare a Taranto