Il ministro Delrio al… “funerale” dell’aeroporto di Taranto

Per il prossimo 15 marzo, Aeroporti di Puglia ha organizzato il “Taranto Grottaglie Test Bed”. Non lasciatevi ingannare dal nome altisonante. Il Marcello Arlotta a breve passerà dalla attuale condizione di aeroporto fantasma a quella di non aeroporto. In sostanza, il 15 marzo si svolgeranno i funerali dello scalo ionico che diventerà una struttura per il collaudo dei velivoli a controllo remoto, i cosiddetti droni.


A celebrare… l’omelia funebre sarà nientemeno che il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio. Ma sarà in buona compagnia. Con lui anche il governatore Michele Emiliano che per l’occasione indosserà una bella faccia di bronzo per dissimulare l’imbarazzo che potrebbe coglierlo se qualcuno gli ricordasse le promesse (per la riapertura dell’aeroporto ai voli commerciali), fatte durante la campagna elettorale e nei numerosi incontri con le associazioni tarantine.



Accompagneranno il caro estinto alla sepoltura l’amministratore unico di Adp Acierno, il presidente dell’Enac Riggio, il direttore generale dell’Enav Bellizzi, il Segretario generale della Difesa Magrassi, il direttore sviluppo del Business di Finmeccanica Soccodato. Insomma, per seppellire definitivamente le ambizioni di vedere voli di linea e cargo alzarsi dall’Arlotta è sceso in campo il meglio.

Forse per assicurarsi che il… morto, all’improvviso, in seguito ad un rigurgito di dignità della comunità tarantina, non abbia un sussulto e torni in vita. Ma c’è poco da temere. Sicuramente intorno al feretro dell’aeroporto accorrerà una folla plaudente che saluterà l’aeroporto di Taranto/Grottaglie versando grosse lacrime… di coccodrillo!

 


Annunci


Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled