Immigrazione, ora a Taranto c’è un corso di laurea

Da Tripoli a Bruxelles, la gestione dei migranti infiamma il dibattito politico. Il Mediterraneo è teatro di sciagure. Troppo spesso mare di morte. Limite invalicabile alle speranze di migliaia di persone che cercano un’esistenza migliore come fecero gli italiani tra il XIX e il XX secolo. Sull‘immigrazione si costruiscono fortune economiche e politiche. Si scrivono regole e trattati. Si realizzano strutture per l’accoglienza.


Taranto, porto sul Mediterraneo, sede di un hotspot per l’identificazione dei migranti, è da sempre città fortemente coinvolta dall’argomento. Non è un caso, quindi, se proprio a Taranto è stato istituito il nuovo corso di laurea triennale in Scienze giuridiche per l’immigrazione, i diritti umani e l’interculturalità. Una materia di grande attualità che arricchirà l’offerta del Dipartimento universitario ionico.



La notizia arriva direttamente dal professor Riccardo Pagano, referente del Dipartimento, promotore e sostenitore del nuovo corso di laurea. In un post pubblicato sulla sua pagina Facebook spiega che “nel piano di studi sono inserite materie giuridiche, economiche e pedagogiche. Il nostro auspicio è che il contributo della scienza aiuti a studiare i fenomeni per gestirli e governarli e non per fare populismo e demagogia”.


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled