Indotto ex Ilva, da domani operai a casa. Cgil: Scelta sbagliata

Indotto ex Ilva, da domani operai a casa. Cgil: Scelta sbagliata

Le aziende dell’indotto ex Ilva di Taranto da lunedì 18 novembre hanno deciso di non inviare i propri dipendenti al lavoro. Una scelta sulla quale interviene il segretario generale della Cgil di Taranto con una lettera rivolta al presidente provinciale di Confindustria, Antonio Marinaro. Ecco il testo.


“Pur riconoscendo appieno le legittime pretese da parte delle aziende dell’indotto creditrici nei confronti di AMI, alle quali la stessa dovrebbe dare risposte dirette in tempi urgenti, tuttavia, in questo momento di grandissima preoccupazione e incertezza sul futuro, non posso condividere la scelta, assunta unilateralmente dalle stesse aziende, di non inviare a lavoro i dipendenti a partire da lunedì pv.

A mio parere, invece, la fabbrica non va abbandonata, ma anzi presidiata, contrastando in ogni modo le sciagurate scelte di Arcelor Mittal. Ripropongo con forza la necessità di confrontarci in tempi brevissimi, coinvolgendo tutte le Categorie sindacali dell’indotto, con il duplice obiettivo di addivenire a iniziative concordate a tutela degli interessi del mondo del lavoro (imprese e dipendenti) e per dare un forte e convinto segnale di unità d’intenti. 

A tal proposito, cogliendo la disponibilità manifestatami formalmente dal Sindaco di Taranto a lavorare per l’apertura del tavolo di crisi a Taranto, ritengo che dovremmo cogliere l’occasione per assumere un ruolo determinante per contribuire a individuare gli strumenti utili a non far precipitare la crisi che abbiamo di fronte. La data del 4 dicembre è inesorabilmente vicina”.




Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to