Inquinamento, anche i commissari Ilva impugnano l’ordinanza di Melucci

Inquinamento, anche i commissari Ilva impugnano l’ordinanza di Melucci

Anche i commissari straordinari di Ilva in amministrazione straordinaria fanno ricorso contro l’ordinanza del sindaco di Taranto che dispone interventi urgenti sugli impianti. In una lettera inviata a Rinaldo Melucci i commissari Francesco Ardito, Antonio Lupo e Alessandro Danovi definiscono l’ordinanza “ineseguibile da Ilva, atteso che la gestione dello stabilimento, a far data dal 1 novembre 2018, è affidata ad Arcelor Mittal Italia”.


“In secondo luogo – aggiungono – la stessa ordinanza presenta vizi di legittimità sia in relazione alla carenza di potere esercitato (in violazione,. tra l’altro, della competenza ministeriale in materia di Aia), sia con riferimento all’inesistenza di alcun superamento dello standard di qualità dell’aria ai sensi del D. lgs 155/2010”.



Il commento dell’amministrazione comunale di Taranto è affidato a Francesca Viggiano, assessore comunale all’Ambiente. “In questo modo – afferma in una nota stampa – hanno mostrato palesemente da che parte stanno: dalla parte degli interessi economici e del profitto, non certamente dalla parte della città di Taranto e della tutela della salute dei suoi cittadini. Eppure il Governo, proprio in questi giorni, ha ribadito che la salute è un bene imprescindibile, lo ha dichiarato lo stesso Presidente del Consiglio Giuseppe Conte a ogni nuovo Dpcm per l’emergenza Coronavirus”.

La posizione dei commissari, fa rilevare la nota stampa del Comune, “è in netta controtendenza rispetto a quella del Governo che li ha nominati”. “Per noi non cambia niente – conclude l’assessore Viggiano – l’amministrazione e il sindaco continueranno a portare avanti la battaglia per la tutela della salute di tutta la città”.


Annunci


Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled