La marcia nel silenzio, Taranto c’è

La marcia nel silenzio, Taranto c’è

Taranto c’è. In silenzio, senza vessilli, con le fiaccole in mano. C’è. Dopo dodici decreti dei Governi Monti-Letta-Renzi-Gentiloni e la speranza tradita dal Governo gialloverde, i tarantini si ritrovano in piazza e ricordano i bambini che in questa città muoiono di cancro più che altrove, statistiche alla mano.


I volti di Giorgio e degli altri, poggiati sugli sguardi addolorati e fieri dei loro genitori, sono stati trascinati dal fiume di fiaccole che ha percorso contromano il Rito di quei Misteri che a Taranto, ogni anno, si rinnova come il grido di dolore di una comunità che vuole darsi un nuovo respiro. Inutile contarli i tarantini che stasera hanno pensato e  ripensato e pregato, per chi ci crede, lungo l’asse umbertino.  Erano tanti. Silenziosamente forti.




Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to