La stella Michelin ad un ristorante di Manduria

La stella Michelin ad un ristorante di Manduria

 

A Casamatta, il ristorante di Vinilia wine resort, arriva la stella Michelin. Torna a brillare nella provincia di Taranto, sulla terra fertile di Manduria, la rossa più ambita nella ristorazione mondiale.


Allo chef Pietro Penna e al ristorante Casamatta è giunto l’importante Macaron assegnato dalla Michelin. Un riconoscimento che arriva a Manduria nel cuore della terra del Primitivo. «Non si può racchiudere la gioia in un commento – spiega lo chef  – è un riconoscimento che segna profondamente l’uomo e il cuoco. Sono felice, sono grato ma subito dopo aver comunicato la notizia alla brigata ero talmente carico da essermi immerso in una lunga riunione sul futuro di Casamatta. L’adrenalina l’ho smaltita in questi giorni che hanno preceduto l’appuntamento di Piacenza ripensando al percorso professionale fatto e alla sorpresa che ho avuto ormai da adulto e da professionista nel rientrare nella mia terra. A Casamatta – prosegue lo chef Penna – ho ritrovato una dimensione umana che nelle grandi città è facile perdere. Ho dovuto ripensare il mio rapporto con i fornitori. Se un tempo ero abituato a dover selezionare da una cella frigo, oggi mi basta arrivare nel nostro orto o nel frutteto, piuttosto che fare una passeggiata per selezionare le migliori carni frollate da portare in tavola o il pescato che arriva direttamente in banchina». Casamatta è una sfida enogastronomica particolarmente articolata e riuscita a Manduria, in provincia di Taranto. Sfida imprenditoriale della famiglia Lacaita.



 

 

 

 

 

 

Note biografiche e professionali su Pietro Penna

Pietro Penna, classe ‘84 nato a Specchia, in provincia di Lecce, per più di 15 anni ha vissuto lontano dalla sua terra lavorando in alcune delle più eleganti cucine internazionali con forte impronta francese. Dopo un lungo periodo al Four Season di Milano con lo chef Sergio Mei, Penna ha consolidato la sua esperienza in una cucina classica francese indossando la toque bianca al fianco di Hans Nussbaumer al Kulm hotels a Saint Moritz, per poi virare nella cucina di Pietro Amato al Richmond di Ginevra. Formativi e segnanti i cinque anni che a Parigi hanno visto Penna nella brigata di Eric Briffard al George V per passare, poi, prima del rientro in Italia da una collaborazione con Philippe Gobet Direttore de l’EcoleLenôtre.


Annunci


Dove andare a Taranto