“Le mute infernali”, un saggio ridà voce alle donne dell’Inferno dantesco

“Le mute infernali”, un saggio ridà voce alle donne dell’Inferno dantesco

Le figure femminili dell’Inferno a cui Dante non ha voluto dare voce si riprendono la parola attraverso la penna di diciotto donne. 


“Le mute infernali. Dante e le donne” (Besa, 2021), è un saggio a cura di Maria Antonietta Epifani e Debora de Fazio. Il libro nasce con lo scopo di (ri)dare voce a quelle donne “mute” dell’Inferno dantesco, facendole rivivere e parlare, dando “loquacità al loro silenzio”.



Un’antologia di storie, in cui la penna delle scrittrici (tutte volutamente donne e pugliesi), dona la parola a figure femminili nascoste, valorizzando, così, la loro presenza.

Le tre Fiere, Semiramìs, Didone, Cleopatràs, Elena di Troia, le Tre Furie, Medusa, le Arpie, Ipsipile, Medea, Taide, Manto, Penelope, Circe, Ecuba, Mirra, la moglie di Putifarre, rilette e rivissute attraverso altrettante lenti di donne dalle diverse età e dalle diverse vite.

L’uscita del libro coincide, per scelta della casa editrice di Nardò (Le), con il DanteDì. Una lettura che offre una visione differente e nuova, priva di giudizio alcuno e libera da qualsiasi suggestione.


In maniera delicata e garbata, le autrici riportano alla luce quelle donne messe in secondo piano, “poeticamente” zittite. Una dolorosa realtà, che accomuna le figure femminili che animano il saggio e la condizione di cui molte donne, ancora oggi sono protagoniste.

Debora De Fazio, dottore di ricerca presso La Sapienza di Roma, assegnista e docente presso le Università del Salento e del Molise, docente nelle secondarie di secondo grado, è attualmente professore associato di Linguistica italiana presso l’Università degli Studi della Basilicata. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni. È collaboratrice del Lessico Etimologico Italiano dal 2002.

Maria Antonietta Epifani, diplomata in pianoforte, laureata in Musicologia a Bologna e in Filosofia a Lecce, si dedica alla ricerca etno-musicologica, al mondo femminile e alle sue problematiche.  Ha pubblicato per Manni, Besa e Schena.  Ha insegnato Storia della musica e Pianoforte presso il Liceo Musicale “Giustino Durano” di Brindisi.


Annunci

Dove andare a Taranto

MarTA, marzo al femminile
from to
Scheduled