Le scale della Virgilio: un teatro a cielo aperto da riqualificare e utilizzare

Le scale della Virgilio: un teatro a cielo aperto da riqualificare e utilizzare

Poche parole per lanciare una proposta. C’era un tempo, non molto lontano in verità, in cui i ragazzi giocavano a pallone soltanto per strada. Pochi, tra loro, avevano poi la fortuna di calcare i campi in erbetta. A Taranto, ad esempio, “sotto le scale della Virgilio” era il nome di uno di questi fantastici, perfetti, campi di calcio muniti di linee, pali e trasverse cosi ideali, così virtuali… così perfetti per tutte le età.


Le scale della Virgilio (plesso adiacente, oggi liceo Aristosseno) erano la gradinata di quel fantastico luogo di sport di strada. Ed è proprio quella gradinata che ci interessa, una scalinata interrotta da due larghi piani di calpestio. Luogo dalla straordinaria capacità sociale ma relegato al ruolo di bretella tra la parte alta del Borgo (zona ospedale e chiesa Sant’Antonio) e l’affaccio al mare (viale Virgilio) sull’esempio urbanistico delle postierle della Città Vecchia.



Quelle scale potrebbero diventare una platea per qualsiasi forma di intrattenimento. Giù, prima del primo scalino, c’è lo spazio necessario per un palco, per la sede di un convegno, per un box regìa. C’è spazio per tutti e per tanti. Musica, libri, cinema, teatro: basta volerlo e poterlo fare. L’area è tale da poter essere ribaltata a seconda delle necessità: quelle scale possono essere teatro e platea e viceversa. Via de Noto, tra l’altro, sembra fatta per essere chiusa temporaneamnete al traffico. Le scale della Virgilio vanno riqualificate e curate, valorizzate. Sono un teatro a cielo aperto, con affaccio al mare. Questa è la proposta. E la giriamo al Comune.


Annunci

Dove andare a Taranto

Locus Festival 2021, tutti gli ospiti e le date
from to
Scheduled
Cinzella, anche Tricky e Almamegretta alle Cave di Fantiano
from to
Scheduled