Medicina, dal vertice di Roma segnali di (ri)apertura

Medicina, dal vertice di Roma segnali di (ri)apertura

‘Grande lavoro di squadra, non ci sono motivi ostativi al canale formativo in medicina a Taranto’’ così il sindaco di Taranto, poco fa, al termine del vertice romano convocato dopo la sospensione delle lezioni del ‘nascituro‘ corso di Laurea in Medicina a Taranto, ovvero il ‘canale formativo’ di cui si legge nel comunicato municipale diramato poco fa.



‘A seguito di un particolareggiato confronto lungo più di due ore presso il Miur a Roma, alla presenza tra gli altri dei tecnici del dicastero guidato dal Ministro Lorenzo Fioramonti, del Sottosegretario Mario Turco, degli Assessori regionali Sebastiano Leo e Mino Borracino, del Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Bari Stefano Bronzini – si legge nella nota diffusa da Palazzo di Città – si è potuto registrare che alcun motivo osta alla prosecuzione del canale formativo che l’ateneo pugliese ha acceso a Taranto per gli studi del primo anno in medicina. Ulteriori precisazioni formali verranno a breve rilasciate di concerto con lo stesso ministero, all’indirizzo del quale il primo cittadino ionico ha potuto formulare pieno apprezzamento – spiegano dal Comune – confermando nel contempo la disponibilità del civico ente a sostenere oggi e per il futuro gli sforzi di tutti gli attori istituzionali volti al rafforzamento della presenza universitaria a Taranto‘.  Al termine dell’incontro il Sindaco ha voluto ancora sottolineare: “la questione era di per sé complessa e ne andavano legittimamente chiariti tutti i termini. Il canale formativo in medicina a Taranto resta una realtà e oggi siamo molto soddisfatti, continueremo a lavorare sulla specificità di Taranto e a spenderci senza riserve per la creazione di un polo di eccellenza della sanità e della ricerca ionica.” Nella delegazione era presente anche il Direttore Generale del Comune di Taranto Ciro Imperio, che è tornato a garantire: “restiamo a disposizione dell’Università Aldo Moro per ogni ulteriore iniziativa che si possa mettere in campo per perfezionare la comunicazione di queste vicende e supportare fattivamente ogni studente che verrà accolto a Taranto in conseguenza del bando esistente.”




Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to