Migranti e solidarietà, un altro riconoscimento per il corto “Apolide”

Migranti e solidarietà, un altro riconoscimento per il corto “Apolide”

Un altro riconoscimento per “Apolide”, il cortometraggio di Alessandro Zizzo, regista pugliese di Francavilla Fontana. Dopo il premio Aiom e una menzione speciale al Festival Internazionale di Salerno, si è aggiudicato il premio Cinemigrare 2019. “Apolide” è tratto da una storia vera, una storia che ha inizio in una mattina di novembre del 2016, quando due uomini coraggiosi si sono trovati l’uno di fronte all’altro e pian piano, qualcosa è cambiato. Il dolore da condividere è diventato un momento di incontro e confronto: Dabo si affidava e il dottor Galetta se ne prendeva cura, terapia dopo terapia, storia dopo storia, legame dopo legame. La debolezza ha smesso di nascondersi e, nel rivelarsi, è diventata terreno su cui innestare un’amicizia autentica, perché costruita sulle basi più solide dell’animo umano.


“Le belle storie devono essere raccontate, è questa la battuta del cortometraggio che meglio sintetizza questa storia di solidarietà e di amiciza tra un oncologo e un migrante – spiega Zizzo – quando questa storia mi è passata davanti agli occhi, non ho potuto fare altro che acchiapparla per poterla raccontare, l’ho fatto a modo mio, inserendo la metafora del calcio e quella dose di ironia che è fondamentale, a mio parere, per raccontare tutte le storie, anche quelle più tristi; ma questa, tuttavia, non è una storia triste, c’è un lieto fine, c’è una speranza, c’è la fratellanza, l’incontro tra un oncologo che è andato oltre il suo lavoro di medico e un migrante che, una volta superato il mare in tempesta, si è trovato di fronte un male più forte del mare”.



Apolide è un cortometraggio prodotto da Pietro Manigrasso (Sinossi Film), Gregorio Mariggiò (Cinemetic) e Agorà e distribuito da Associak Film.
Regia di Alessandro Zizzo. Sceneggiatura: Alessandro Zizzo e Maristella Tamborrino. Interpreti: Paolo De Vita, Alassane Sadiakhu, Lidia Cocciolo, Ludivine D’Ingeo.


Annunci

Dove andare a Taranto