Miss Progress, il concorso che guarda oltre

Miss Progress, il concorso che guarda oltre

Ventidue ragazze provenienti da ogni parte del mondo in Puglia, per il progresso e per una settimana all’insegna dell’integrazione, in cui visiteranno luoghi di cultura. Le giovani delegate vivranno fianco a fianco una vera e propria esperienza multisensoriale che le porterà a conoscere da vicino la storia, le tradizioni e le bellezze naturali e artistiche della terra che le ospita. I progetti elaborati da ciascuna partecipante, dedicati ad ambientesalute diritti umani, evidenziano drammatiche realtà spesso del tutto sconosciute ed è compito della giuria determinare quello più fattibile, premiandolo con un sostegno alla sua realizzazione.


 

Miss Progress International è un format internazionale organizzato dall’associazione culturale In Progress di Carosino ed è iniziato venerdì 27 settembre, quando le concorrenti e i loro accompagnatori sono stati accolti all’aeroporto di Brindisi per poi recarsi nel quartier generale del Grand Hotel dei Cavalieri di Maruggio. L’evento è stato presentato la scorsa settimana nella galleria del centro commerciale Porte dello Jonio alla quale hanno partecipato Giusy Nobile, presidente dell’associazione culturale In Progress, Giuseppe Borrillo, direttore del concorso, la colombiana Eyra Baquero, vincitrice dell’edizione 2018, Mauro Tatulli, direttore della galleria del centro commerciale Porte dello Jonio e Fabio Millarte, presidente del W.W.F.  La finale mondiale di Miss Progress International si terrà venerdì prossimo, 4 ottobre, alle 21 nel teatro comunale di Carosino. Il format di Miss Progress International esalta la figura della donna impegnata nel sociale e si fa portavoce di tematiche importanti e di stringente attualità. Ieri, la la giornata è stata dedicata al tema della salute. Da domani, il gruppo multietnico sarà impegnato nella scoperta del nostro territorio: domani sarà la volta dei trulli di Alberobello e di Martina Franca. Sarà la giornata dedicata al tema della salute e si visiterà la “Palude La vela”, l’Oasi curata dal WWF e anche sede della Scuola Volontari dell’Aeronautica Militare (S.V.A.M.). Mercoledì 2 ottobre, nella giornata dell’integrazione culturale le ambasciatrici del progresso si recheranno a Oria, che le accoglierà omaggiandole con la festa delle bandiere insieme ai tradizionali sbandieratori. Nel pomeriggio si ritornerà a Maruggio per visitare la caratteristica Masseria Olivaro, per una degustazione di prodotti locali lattiero-caseari. Le ambasciatrici del progresso concluderanno il soggiorno italiano sabato 5 ottobre. Dopo la sessione fotografica della mattina, il gruppo multietnico si recherà nella Masseria Quis ut Deus di Crispiano, immersi nella natura per degustare prodotti locali.  



from to
Scheduled Appuntamenti, dove andare Moda ed Eventi

Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled