“Mittal non ha ancora pagato”, l’indotto aspetta sino a domani…

“Mittal non ha ancora pagato”, l’indotto aspetta sino a domani…

L’annuncio è di Confindustria Taranto:  “Le imprese dell’indotto AMI continuano a tenere il presidio davanti allo stabilimento: nessuno dei loro crediti è stato finora pagato”. 


Nessun pagamento effettuato da parte di Arcelor Mittal Italia alle aziende dell’indotto, dicono dalla sede di via Dario Lupo, “neanche in minima percentuale: contrariamente a quanto dichiarato dall’azienda nella serata di ieri a Confindustria e sindacati, convocati nella direzione dello stabilimento, nessun credito è stato soddisfatto neanche come anticipo rispetto alla mole creditizia maturata da parte delle aziende fornitrici. Le imprese, che da lunedì scorso continuano a tenere il presidio spontaneo e autogestito davanti allo stabilimento, hanno assicurato già da ieri sera, accogliendo la richiesta di Confindustria Taranto, gli interventi necessari per la messa in sicurezza degli impianti – ricordano dalla sede degli industriali ionici –  in assenza del saldo dei crediti, tuttavia, riprenderanno con il blocco delle attività interne allo stabilimento a partire dalle 12 di domani, giovedì  21 novembre”.



Ieri sera, Confindustria aveva invitato le aziende dell’indotto a soprassedere circa il blocco delle attività interne e in attesa di sviluppi. Sviluppi concreti che evidentemente stentano a prodursi. 

 

 


Annunci

Dove andare a Taranto