Musei, il MarTa di Taranto piace al popolo social

Il Museo Nazionale Archeologico di Taranto piace alla rete ed al popolo social. E’ questo l’esito della ricerca che ha rilevato il cosidetto Tai score (Travel Appeal Index score) misurando la presenza sul web. Secondo una nota del Ministero dei Beni Culturali in testa a questa speciale classifica, nei primi sei mesi del 2016, c’è la Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Roma con il 91,7%. Immediatamente alle sue spalle si piazza il MarTa di Taranto con il 91,2%, diretto da Eva Degl’Innocenti,  in terza posizione la Galleria Nazionale delle Marche con il 90,5%.


I canali monitorati sono siti, portali e social: Tripadvisor, Facebook, Google Plus, HolidayCheck, Yelp, Zoover. L’indagine è iniziata nei primi mesi del 2016 ed ha riguardato i 20 musei autonomi del Mibact, diretti da manager scelti un anno fa e chiamati anche a rilanciare con nuove iniziative gallerie e siti archeologici. L’idea era di ascoltare la voce dei visitatori facendogli valutare una serie di variabili, dall’accoglienza alle attività e gli eventi organizzati dal museo, fino agli spazi, i servizi, la ristorazione, l’accessibilità, i costi, aprendo un canale di consultazione sempre più diretto tra chi gestisce e organizza i luoghi della cultura e chi li frequenta.



Dall’analisi dei contenuti rilevati sul web dal 1 gennaio al 31 maggio 2016, viene fuori che la soddisfazione generale dei visitatori per l’accoglienza nei musei pubblici al top, supera l’80% dei consensi (80,2) in crescita del 3% rispetto allo stesso semestre del 2015. Cresce in particolare l’apprezzamento dei visitatori per l’accoglienza (+43,8%) ma risultano piacere di più rispetto allo scorso anno anche le attività e gli eventi (+ 25,5%), i servizi (+31,9%) e gli spazi (+2%).

 

 


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled