Nessun nuovo assunto con le navi ro-ro. E’ già polemica al porto di Taranto

Nessun nuovo assunto con le navi ro-ro. E’ già polemica al porto di Taranto

Domani la prima nave ro-ro del Gruppo Grimaldi di Napoli attraccherà al porto di Taranto, ma le polemiche già impazzano. A sollevare perplessità sull’operazione è Oronzo Fiorino della Filt Cgil il quale, durante l’ultima riunione del Comitato portuale, ha chiesto di rinviare di alcuni giorni l’autorizzazione alla Detra Sud che gestirà le operazioni di attracco. Il sindacalista ha voluto prendere visione del piano industriale per verificare la forza lavoro prevista e, soprattutto, se fosse contemplato l’assorbimento di unità dal bacino di crisi degli ex Tct.


“Il commissario Prete – scrive Fiorino – ha risposto che per tutto il 2016 non sono previste assunzioni. Chiedo, allora, a cosa serve l’accordo con il Governo per il riassorbimento dei lavoratri ex Tct, se il primo nuovo traffico attivato non porta alcuna assunzione?” Il sindacalista della Filt Cgil è rimasto, però, isolato perchè gli altri componenti del Comitato portuale (UilTrasporti, Comune, Provincia, spedizionieri, Autorità portuale) non hanno condiviso la sua richiesta.



“Spero che non si predichi bene e si razzoli male – aggiunge Fiorino –  e che sia data la possibilità al sindacato di verificare il piano industriale, i carichi di lavoro, le ricadute occupazionali sul territorio”. Il segretario della Filt auspica il pieno rispetto dei requisiti previsti dalla legge per le società che avanzano richiesta di concessione di impresa e ricorda che “la compagnia di navigazione Grimaldi da sempre svolge le proprie attività in auto-produzione, con personale di bordo. Se è questa la via dello sviluppo e dell’occupazione viene spontaneo chiedersi quando andrà in vigore la nuova riforma della portualità (che abolisce i Comitati) quale sviluppo operativo ed occupazionale ci attende?”

 


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled