No all’affidamento di due asili comunali, il comitato: il 16 settembre manifestazione a Taranto

No all’affidamento di due asili comunali, il comitato: il 16 settembre manifestazione a Taranto

Il loro NO viene ribadito anche stasera, in una nota giunta poco fa in redazione. Dicono NO alla gestione privata di due degli otto asili comunali. Ne respingono da mesi motivazioni, criteri e spiegazione (affidamento temporaneo, nelle more del concorso per l’assunzione di nuovo personale). E da mesi sostengono sì l’Amministrazione nella volontà di rimpinguare la truppa delle educatrici ma al tempo stesso ritengono, e con decisione, che intanto si possa comunque procedere con la gestione pubblica di tutti gli assili che, ribadiamolo, sono da decenni il fiore all’occhiello dei servizi comunali di Taranto. Sono gli aderenti al Comitato Io Amo gli Asili nido di Taranto. Dicono NO alla “privatizzazione” di due plessi.


“Abbiamo purtroppo appreso che il Comune sta procedendo con iniziative concrete  nel  percorso  di privatizzazione di 2 asili nido comunali – sostengono dal Comitato in una lunga articolata nota a firma di  Gabriella D’Amore, Sara Mastrobuono, Francesco Settembre e  Luca Delton – in mancanza ancora della pubblicazione del bando per l’affidamento a terzi, e  sapendo quanto siano lunghi in genere certi percorsi burocratici, temiamo questo significhi la chiusura, almeno per la gran parte di questo nuovo anno educativo, di quelle due strutture, e certamente il disagio per le bambine, i bambini e le famiglie che verranno costretti a cambiare il nido che avevano scelto”. Questo dunque il timore del Comitato. “Nel provvedimento di Giunta del 19 marzo per l’affidamento a terzi, infatti, era scritto che avrebbe avuto la durata di un solo anno, in attesa dell’espletamento del concorso (bandito nello stesso mese) per le nuove educatrici necessarie”. Il comitato tra le altre cose si chiede perchè “l’Amministrazione  non abbia aperto ancora ad oggi (1 settembre) il bando per le nuove iscrizioni e neanche quello per la formazione di una nuova graduatoria delle supplenze per le educatrici… Pensiamo che in questo momento, così delicato e difficile  per le famiglie, ci sia bisogno di rafforzare i servizi comunali  per l’infanzia di cui la città storicamente  (fra le poche del mezzogiorno) dispone”.



Il Comitato sostiene inoltre che l’affidamento temporaneo a terzi della gestione di due asili debba passare anche da un confronto in Consiglio comunale e in sede sindacale. “Non sono  state ascoltate le istanze del nostro comitato – scrivono intanto nel loro documento – E neanche prese minimamente in considerazione le proposte, presentate da Gennaio, per fronteggiare l’emergenza che si sarebbe presentata nel servizio, data la drammatica contrazione di personale che sarebbe avvenuta per i pensionamenti previsti in quota 100. Noi continuiamo a pensare che le bambine e i bambini abbiano il diritto di ritrovare, il giorno della ripresa, il nido e le educatrici che avevano lasciato bruscamente a marzo a causa del lockdown. Soluzioni alternative alla privatizzazione, in attesa dei concorsi, ci sarebbero…”. Il Comitato annuncia una manifestazione per il prossimo 16 settembre alle ore 16.30 in piazza Castello. “Invitiamo tutte le forze (organizzate e non), le associazioni, gli innamorati dei nidi a comunali a dare la loro adesione sulla nostra pagina fb” si legge infine nella nota sottoscritta per il Comitato daGabriella D’Amore, Sara Mastrobuono, Francesco Settembre e Luca Delton.


Annunci

Dove andare a Taranto

Marina di Taranto, cinema in spiaggia, film sotto le stelle... sdraiati sul lettino
from to
Scheduled
Com'eri vestita? 17 abiti raccontanto storie maledette
from to
Scheduled