PORTO, NESSUN ACCORDO PER I 540 TCT

PORTO, NESSUN ACCORDO  PER I 540 TCT

Brutte notizie per i 540 lavoratori della Taranto Container Terminal. L'incontro al ministero del Lavoro per la proroga di un anno della cassa integrazione si è risolto con un nulla di fatto.

I liquidatori della Tct di cui è azionista di maggioranza la compagnia taiwanese Evergreen, hanno preso tempo ed il Governo, su sollecitazione del sindacato ionico, ha convocato un nuovo incontro per il prossimo 3 settembre.
Quello degli ammortizzatori sociali non è l’unico nodo aperto benché sicuramente per i lavoratori è il più importante. Ancora da definire sono, infatti, le modalità del passaggio delle gru e delle altre attrezzature del terminal container dalla Tct all’Autoritá portuale di Taranto. Da definire anche lo stoccaggio dei fanghi rinvenimenti dai dragaggi effettuati da Tct nel 2005 ed attualmente depositati sull’area dell’ex yard Belleli.
In caso di mancato accordo non è da escludere la confisca delle gru e l’apertura di un nuovo contenzioso oltre che di una fase di grandissima incertezza per il futuro dei 540 lavoratori e per la ripresa dei traffici portuali da Taranto. (m.tur.)



Annunci



Dove andare a Taranto