Primo maggio tarantino, smentita la lista degli ospiti che circola sul web

Primo maggio tarantino, smentita la lista degli ospiti che circola sul web

Brunori sas, Mannarino, Marlene Kuntz: la lista è lunga e ricca. Ma è una lista che non c’è… anche se circola sul web da alcuni giorni.


Sono direttamente i Liberi e Pensanti a smentirla, così come smontano a priori qualsiasi indiscrezione possa riguardare la scaletta del prossimo Unomaggio tarantino in allestimento. Il conto alla rovescia comunque è partito mentre il crowdfunding è resta aperto sulla piattaforma digitale scelta dagli organizzatori due mesi fa. “La macchina dell’#unomaggioliberoepensante è in movimento per organizzare la quinta edizione del Concerto-Evento di Taranto. L’appuntamento, dopo la pausa del 2017, tornerà a convogliare centinaia di migliaia di persone nel Parco Archeologico delle Mura Greche: grazie all’idea e all’intuizione del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, il gruppo di operai, lavoratori, disoccupati, precari, studenti, professionisti e cittadini che si è formato nel 2012 a seguito del sequestro degli impianti inquinanti dell’Ilva. Per non dover più scegliere tra salute e lavoro”  si legge nella nota diramata poco fa dall’ufficio stampa del concerto.



La formula del “concertone” resterà immutata. “La musica è un veicolo di festa e informazione, non è il fine. L’Uno Maggio Libero e Pensante inizierà al mattino con il tradizionale dibattito che illustrerà il documento politico della manifestazione, basato quest’anno sulle linee guida dell’accordo di programma finalizzato alla chiusura dell’Ilva, bonifica e riconversione del territorio. Al termine dell’incontro spazio alla musica fino a notte, con partecipazioni di eccezionale livello che saranno rese note man mano. E non mancheranno le sorprese”.

Il concerto inizierà con le 5 band emergenti che vinceranno il contest “Destinazione Uno Maggio” e con la presentazione dei progetti a favore del territorio elaborati dagli studenti delle scuole nel corso degli incontri e dei laboratori denominati #Unomaggioacolori (è stata creata anche l’apposita pagina Facebook).

Tutti i particolari saranno rivelati nei prossimi giorni. I direttori artistici Michele Riondino, Roy Paci e Diodato e tutti gli aderenti al Comitato “stanno lavorando incessantemente per curare ogni aspetto organizzativo. Riguardo alla line up del concerto e alle indiscrezioni senza fondamento circolate nelle ultime ore su alcuni siti nazionali si precisa che nessun nome dei partecipanti all’edizione 2018 è stato ancora ufficializzato dagli organizzatori”


E’ possibile supportare supportare l’#unomaggioliberoepensante attraverso erogazioni facolative (in cambio la maglietta ufficiale e le contesissime bottiglie di vino) in occasione delle iniziative collaterali all’UnoMaggio, versamenti e bonifici (i particolari sono reperibili sul sito www.liberiepensanti.it). «Vogliamo che sia la festa di tutti – ha dichiarato nei giorni scorsi Michele Riondino – . Mi piacerebbe che tutti, anche chi non la pensa come noi e non ci ama, difendesse una manifestazione che mostra al mondo Taranto così come la vorremmo. Serve un po’ d’affetto da parte di tutti di fronte ad una iniziativa così grande».

 


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to