Pugilato, quattro tarantini alla conquista del titolo italiano

Pugilato, quattro tarantini alla conquista del titolo italiano

Non poteva mancare alla 97° edizione dei campionati assoluti italiani la società campione d’Italia del maestro benemerito Vincenzo Quero,  partita alla conquista della capitale romana con la sua squadra di pugili accompagnati dal maestro Cataldo Quero.


Si tratta della più alta competizione di boxe olimpica a livello dilettantistico, una tradizione nel mondo della noble art, alla quale aspirano di poter partecipare tutti gli atleti che desiderino lasciare un segno nella storia delle quattro corde.



E quattro sono anche gli atleti della Quero-Chiloiro partecipanti alla competizione che mette in vetrina i più quotati pugili a livello nazionale che si svolgerà sino al 15 dicembre nel PalaSantoro, a Tiburtina gestito dalla FPI e dal Gruppo Sportivo di Polizia di Stato Fiamme Oro. Il primo gong è fissato per oggi con gli Ottavi di Finale Maschili dei Campionati Italiani Assoluti Elite. Domani seguiranno i Quarti di Finale Maschili mentre il 12 dicembre sarà la volta dei Quarti Femminili; il 13 e il 14 ci saranno le Semifinali Maschili e Femminili e, in conclusione, domenica 15 dicembre chi vincerà le Finalissime potrà laurearsi Campione d’Italia.

Tra i 192 atleti in gara, di cui 131 uomini e 62 donne, il nome della Quero-Chiloiro spicca sulle canottiere del 64 kg Antonio Losurdo, del 75 kg Giovanni Rossetti, del 91 kg Christian Ressa e della 51 kg Vitalba Tanzarella.

Reduce da un grandissimo campionato elite a livello regionale e per la prima volta in gara per un podio nazionale, il 64 kg Antonio Losurdo, classe ’98 e con uno score di 17 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte, è pronto a giocarsi tutto per coronare il sogno di diventare campione d’Italia; in questa fase matura della sua giovanissima carriera da pugile, Losurdo sta conoscendo i benefici della tecnica applicata all’innata forza fisica con la quale ha già conquistato sei vittorie prima del limite. Classe cristallina quella del pugile savese Giovanni Rossetti in gara nei 75 kg, un record di 25 vittorie e 6 sconfitte e  i suoi 19 anni che lo rendono il più piccolo tra tutti i partecipanti al campionato di tutte le categorie; piccolo di età ma grande sul ring, anche lui dopo gli spettacolari match della fase regionale, si riconosce dall’impeccabile tecnica con la quale padroneggia il ring. Tra le categorie più pesanti, nei 91 kg arriva agli Italiani, – con un record di 16 vittorie, 1 pareggio e 10 sconfitte, – Christian Ressa, anche lui classe ’98, ambidestro, un buon pugile in crescita fisica e tecnica.  Completa la squadra dei tarantini, con un tocco di armonia, la presenza femminile della 51 kg Vitalba Tanzarella, la fighter castellanetana classe ’87, 42 match all’attivo, di cui 14 vinti, 9 pareggiati e 19 persi, già frequentatrice di ring nazionali come quello del Guanto d’Oro e delle precedenti edizioni dei Campionati Assoluti, in gara per affrontare le ottime avversarie che le propone lo scenario di pugilato femminile nazionale.


 


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to