Puglia, la parabola del contagio. Quello che i numeri dicono

Puglia, la parabola del contagio. Quello che i numeri dicono

La crescita è lenta e costante. Il Covid-19 è penetrato in Puglia e il fatto che 20mila persone da fine febbraio a pochi giorni fa abbiano dichiarato il loro rientro dal Nord (e non sapremo mai quanti siano quelli che non lo hanno fatto) fa pensare che le prossime due settimane saranno decisive per avere un’idea compiuta della realtà epidemica regionale.


Una crescita costante, intanto, segna l’impennata degli ultimi tre giorni stando ai dati forniti (sino a ieri, 18 marzo, alle 21.10 dalla Regione). sono anche aumentato i tamponi, va detto, nei laboratori di Foggia e di Bari. tanto per avere un’idea, lo scorso 4 marzo i casi positivi erano 14. Di giorno in giorno, 19… 24 e così via quasi raddoppiando (in media) ogni ventiquattro ore. Il 12 marzo la Puglia ha superato quota 100. Da una settimana, l’incremento segna una media di +50 al giorno. L’altro ieri, + 90. Ieri, 18 marzo, 475 tamponi dei quali 31 positivi. Decremento statistico salutato con favore. La Puglia si prepara comunque a registrare 2000 casi positivi, metà dei quali secondo le stime potrebbero fare ricorso all’ospedale. Gli ultimi dati ufficiali parlano di 438 i casi positivi registrati (dati 18 marzo ore 21) e 24 vittime. Attendiamo aggiornamenti..




Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled