Riconvertire le aree industriali, chiusa la prima giornata a Bruxelles

Riconvertire le aree industriali, chiusa la prima giornata a Bruxelles

Danzica, Lille, Göteborg. E poi l’esempio di L’Aquila ed altri casi virtuosi di aree che hanno saputo rinnovarsi o che ci stanno provando.


Domani si parlerà di Taranto, a Bruxelles. Ordini di Ingegneri, commercialisti, liberi professionisti, giovani pugliesi.. a confronto per due giorni con amministratori locali europei, parlamentari economisti e tecnici dell’innovazione.



L’europarlamentare tarantina Rosa D’Amato ha riunito tutti in una sala del settimo piano del Parlamento Europeo, in Belgio. Domani sarà la volta del piano TRI.0. Argomento,  “Taranto Tri.0”, uno studio sulle potenzialità in termini produttivi e occupazionali derivanti dalla riconversione economica e sociale del territorio jonico. Il lavoro, elaborato dall’istituto CETRI-TIRES, prende spunto da esperienze concrete già realizzate ad esempio in Francia con il progetto Rev3 ed è ispirato alle ricerche dell’economista Jeremy Rifkin sulla Terza Rivoluzione Industriale. Il piano sarà presentato nell’ambito dell’evento “#rECOnomy – La riconversione economica. Un nuovo paradigma sostenibile: Taranto, Italia, Europa”, promosso dall’eurodeputata del Movimento 5 Stelle Rosa D’Amato nel quadro della due giorni di workshop di STOA. All’evento parteciperanno anche il vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo, Antonio Parisi del CETRI – TIRES, Francesca Passeri della European Crowdfunding Platform, Sandro Marco De Poli (Presidente Avio Aero – Gruppo General Electric Aviation) e Andrea Strachinescu Oleanu, DG MARE della Commissione europea.


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to