Rifiuti dalla Calabria in provincia di Taranto? L’allarme dei Verdi

Rifiuti dalla Calabria in provincia di Taranto? L’allarme dei Verdi

La Giunta regionale pugliese nella seduta dello scorso 19 maggio ha dato il via libera alla Regione Calabria per l’invio di rifiuti indifferenziati (codice EER 200301) agli impianti di trattamento meccanico biologico operanti sul territorio pugliese “aventi capacità di trattamento residue (nell’ambito delle capacità autorizzate), evitando al contempo l’insorgere di situazioni di emergenza nella gestione dei rifiuti prodotti dalla Regione Puglia”. L’esecutivo ha di assicurato il supporto alla Regione Calabria fino al 30 giugno 2020, per i quantitativi ed i destini che saranno definiti da Ager in considerazione della capacità impiantistica residua degli impianti di trattamento meccanico-biologico in esercizio sul territorio regionale.


Su questa decisione intervengono i co-portavoce dei Verdi per la Provincia di Taranto Elvira Sebastio e Gregorio Mariggiò ed il co-portavoce dei Verdi per la Regione Puglia Fulvia Gravame. Secondo quanto riferiscono im una nota stampa, i rifiuti provenienti dalla Calabria dovrebbero essere smaltiti in due impianti della provincia di Taranto.



“Come cittadini e come ecologisti esprimiamo il nostro totale dissenso nei confronti di questa scellerata decisione: la provincia di Taranto già compromessa dal punto di vista ambientale, non si può, ancora una volta, sacrificare per le scelte sbagliate, di altri territori, nella gestione dei rifiuti. Come Verdi della provincia di Taranto siamo convinti e ribadiamo che l’unica soluzione possibile per una corretta gestione dei rifiuti è la politica dei rifiuti zero ideata da Paul Connet e praticata in diverse regioni virtuose”.


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled