Salute e Ambiente, il nuovo comitato incalza Emiliano e Melucci: accertare l’attuale impatto su Taranto

Salute e Ambiente, il nuovo comitato incalza Emiliano e Melucci: accertare l’attuale impatto su Taranto

A due passi dalle ciminiere, Massimo Castellana e Alessandro Marescotti hanno presentato stamattina a Tamburi, sotto la targa posta nell’area delle case a ridosso delle collinette, di fronte casa Corisi, finalità e prime adesioni al Comitato nato l’altro ieri sull’onda dei fatti del 4 luglio.


Un comitato che in pratica riassume – e dunque rilancia – l’istanza civica di salute e di chiarezza sull’impatto (attuale) sanitario della produzione d’acciaio. E al tempo stesso si propone di mettere assieme realtà associative distinte ma in sintonia sull’obiettivo. E’ il Comitato Cittadino per la salute e l’ambiente a Taranto.



Ecco il video girato stamane a Tamburi: la proposta, le richieste ad Emiliano e Melucci, le azionida mettere in campo..

La scheda (dal sito tarantosocial.org).

“Si propone il fermo degli impianti ILVA sottoposti a sequestro dalla magistratura. Il Comitato Cittadino per la salute e l’ambiente a Taranto è una struttura che unisce cittadini e federa associazioni che convergono su finalità comuni, adottando la nonviolenza, la gentilezza e la cittadinanza attiva come metodologie di azione. 6 luglio 2020 NASCE IL COMITATO CITTADINO. In data 6 luglio 2020 abbiamo firmato l’atto costitutivo del “Comitato Cittadino per la salute e l’ambiente a Taranto”. E’ giuridicamente un ente esponenziale per la tutela di interessi collettivi. Il Comitato Cittadino è una struttura che unisce cittadini e federa associazioni che convergono su finalità comuni, adottando la nonviolenza, la gentilezza e la cittadinanza attiva come metodologie di azione.Si riportano qui di seguito le finalità generali:- la tutela della vita e della salute pubblica- la difesa dell’ambiente- la progettazione dello sviluppo sostenibile e dell’ecoriconversione- la promozione della cittadinanza attiva e della partecipazione democratica- il diritto di accesso all’informazione- il buon uso del denaro pubblico- la segnalazione alle autorità competenti di tutte quelle situazioni in cui vengano lesi gli interessi collettivi tutelati dal Comitato Cittadino.FINALITA’ SPECIFICHE


  • il fermo degli impianti ILVA sottoposti a sequestro per il rischio inaccettabile che essi costituiscono per la salute pubblica e l’ambiente
  • la costituzione di un Osservatorio Mortalità in tempo reale e disaggregato per quartieri a Taranto
  • la bonifica e riconversione dell’area ILVA
  • la definizione di un piano strategico di riassorbimento delle maestranze ILVA
  • la rivendicazione della partecipazione ai processi decisionali in campo ambientale e civile così come previsto dalla Convenzione di Aarhus e da ogni altra normativa nazionale e internazionale

In particolare il Comitato si impegna per:

  • l’attuazione effettiva ed efficace della sentenza di condanna dello Stato italiano da parte della CEDU;
  • l’applicazione dell’articolo 29 decies, comma 9 e 10, del dlgs 152/2006 (Codice dell’Ambiente) e per la rimozione di tutte le norme “salva-ILVA” che ne ostacolano l’attuazione.


Annunci

Dove andare a Taranto

Torna il Libro Possibile in partnership con Bcc San Marzano
from to
Scheduled
Diodato al Cinzella Festival. Ecco il programma completo
from to
Scheduled