Sversamento liquami in zona Gandoli: le decisioni del sindaco di Leporano

Sversamento liquami in zona Gandoli: le decisioni del sindaco di Leporano

Il Comune di Leporano è pronto a revocare il divieto di balneazione nello specchio di mare in zona Gandoli “non appena l’Arpa e l’Asl competenti riterranno idonei sul piano igienico-sanitario i luoghi oggetto dello  sversamento”. Lo afferma il sindaco, avvocato Angelo D’Abramo, in una nota in cui ricostruisce la vicenda legata allo sversamento di liquami avvenuta sabato scorso. Ieri è intervenuto il meet up “Taras in movimento” del M5S secondo il quale l‘Arpa non sarebbe stata avvisata dell’episodio. Di seguito pubblichiamo integralmente il comunicato stampa a firma del sindaco D’Abramo. Ecco cosa emerge dalla sua ricostruzione.


“In data 08.04.2017 il Comando di Polizia Locale di Leporano mi informava che alle ora 18.00 circa, che in corrispondenza dell’impianto di sollevamento in gestione all’Acquedotto Pugliese vi era una copiosa fuoriuscita di acque reflue che si estendeva verso la spiaggia pubblica di Gandoli con riversamento in mare.



Lo stesso personale del Comando Vigili mi comunicava di aver già contattato l’AQP per la segnalazione del
suddetto inconveniente dovuto a loro dire al fermo dell’impianto di sollevamento. Nella stessa serata provvedevo ad emettere, ai sensi e per gli effetti dell’art. 50 del TUEL 267/00, Ordinanza n. 20/2017, predisposta dal Comando di Polizia Locale, di divieto di balneazione a ridosso della costa insistente tra Via Dalie e Via Madonna delle Grazie in località Gandoli, fino all’avvenuto ripristino ed igienizzazione del sito da parte dell’AQP, nonchè delle verifiche da parte degli organi competenti, notificata dal Comando di Polizia Locale, al Responsabile UTC, all’ASL di Taranto, all’ARPA Puglia, alla Capitaneria di Porto di Taranto alla Stazione dei Carabinieri di Leporano.

Si provvedeva inoltre ad affiggere la stessa Ordinanza nei luoghi oggetto di sversamento rendendola
così pubblica oltre che alla relativa pubblicazione sull’Albo on line del Comune di Leporano.
Successivamente, in data 10.04.2017 il Responsabile UTC con nota prot. n. 403112017 richiedeva
urgente incontro con AQP per la risoluzione complessiva delle problematiche e per la pianificazione
immediata degli interventi di sanificazione della spiaggia e della baia. In data 10.04.2017 l’AQP con nota prot. n. 4023/2017 dava spiegazioni all’Amministrazione Comunale su quanto accaduto, confermando altresì che vi era stata la segnalazione da parte del Comando di Polizia Locale di Leporano di fuoriuscita di reflui fognari nei pressi della località di Gandoli dovuta al fermo della stazione di sollevamento fogna della zona.

Nella giornata dell’ 11.04.2017 avveniva presso la Sede Comunale l’incontro con l’AQP per fare il punto della situazione e per invitare la stessa AQP a completare i lavori di sanificazione secondo il Piano di Bonifica previsto dalla Normativa vigente. Sempre in data 11.04.2017 il Responsabile UTC con nota prot. n. 410l/2017 diffidava l’AQP a provvedere agli interventi necessari ed obbligatori per il ripristino dello stato dei luoghi, alla immediata sanificazione sia della spiaggia sia delle acque della baia, nel più breve tempo possibile seguendo il proprio Piano di Bonifica, e a far pervenire certificazione relativa al corretto funzionamento dei sistemi di segnalazione guasti (allarmi) dell’impianto in questione.


Non appena l’ARPA e l’ASL competenti riterranno idonea sul piano igienico-sanitario i luoghi oggetto del suddetto sversamento lo scrivente provvederà ad emettere ordinanza di revoca del divieto di balneazione. Di tutta la predetta attività e dei fatti su evidenziati è stata notiziata l’Autorita’ Giudiziaria competente”.
Il SINDACO
Avv. Angelo D’Abramo


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled