Syria canta Gabriella Ferri

Syria canta Gabriella Ferri

Gabriella Ferri, una figura imponente della musica italiana, che ha saputo portare la sua “romanità” nel mondo, rivive grazie alla voce di Syria con il suo spettacolo omaggio “Perché non canti più…”.


Al Fusco di Taranto, per la 75a Stagione degli Amici della Musica “Arcangelo Speranza”, è andato in scena un tributo alla cantante di Testaccio, spettacolo  ideato da Pino Strabioli.



Tutto nasce quando in una valigia rossa, consegnata dal marito e dal figlio della Ferri, Strabioli scopre scritti, lettere e disegni dell’indimenticata interprete di “Barcarolo romano”. E ne fa un libro. Poi, dall’incontro con Syria in un ristorante trasteverino, è nato lo spettacolo. Ed è proprio quella valigia rossa l’unico elemento di scena  da dove escono i pensieri nascosti di Gabriella. E si intrecciano alle canzoni e al ricordo di un’artista “libera, popolana, popolare e con un cuore grande”.

Syria entra a far parte della grande musica a metà anni novanta grazie alla partecipazione tra i giovani al Festival di Sanremo. Per lei hanno scritto in tanti, da Biagio Antonacci a Tiziano Ferro, da Gianna Nannini a Jovanotti. Vive adesso una nuova vita artistica,  “teatro-canzone”, con lo spettacolo “Perché non canti più…”, dedicato a Gabriella Ferri. La cantante romana è scomparsa quindici anni fa. Lo spettacolo è ideato da Pino Strabioli, con la direzione musicale di Davide Ferrario e Massimo Germini. La produzione è di Mauro Diazzi.


Annunci


Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to