Avete pochi pazienti, l’Asl di Taranto li licenzia

Avete pochi pazienti, licenziati! Più o meno così ha agito l’Asl di Taranto nei confronti di alcuni medici di famiglia che sul ricettario avevano iscritte meno di trecento persone ciascuno. In virtù di questo, presunto, scarso rendimento l’Azienda sanitaria da ieri avrebbe dovuto interrompere la convenzione con questi medici di base che svolgono la loro attività nei comuni di Martina Franca, Massafra, Taranto, Sava, Mottola e Ginosa.


A sospendere, per il momento, gli effetti della decisione dell’Asl di Taranto è intervenuto il decreto del giudice monocratico della sezione Lavoro del Tribunale di Taranto, Cosimo Magazzino su ricorso presentato da alcuni medici di basi assistiti dagli avvocati Enrico Pellegrini e Alberto Maria Durante. “L’ente sanitario – spiega l’avvocato Pellegrini – vuole interrompere il rapporto di convenzione perché i medici in questione hanno ciascuno un numero di pazienti inferiore a trecento. Un criterio inammissibile, a nostro parere. Infatti, il giudice del Lavoro, dott. Magazzino, col suo provvedimento cautelare, accogliendo in prima battuta le nostre doglianze, ha avuto riguardo della specifica natura dell’attività medica ed in particolare del delicato rapporto tra medico e paziente”. La vicenda, però, non è ancora conclusa. La trattazione nel merito sulla decisione dell’Asl di Taranto si terrà l’11 marzo 2016.




Annunci

Dove andare a Taranto