Taranto: da San Vito al Borgo, fuga in auto inseguiti dai carabinieri

Taranto: da San Vito al Borgo, fuga in auto inseguiti dai carabinieri

Rocambolesco e spericolato inseguimento in piena città. Protagonisti dell’episodio due giovanissimi: un 18enne di Taranto e la sua fidanzatina minorenne. Ecco i fatti, nel resoconto dei carabinieri.


“I carabinieri della sezione Radiomobile di Taranto, hanno arrestato per il reato di “resistenza e violenza a pubblico ufficiale” un 18enne tarantino resosi autore, insieme alla fidanzatina minorenne, di un rocambolesco e spericolato inseguimento per le affollate vie della città.



I militari, durante un servizio di controllo del territorio nell’area di San Vito, hanno intimato l’ALT ad un’Opel Meriva di colore scuro, ma il conducente di quest’ultima ignorava l’ordine e aumentava la sua andatura al fine di eludere il controllo. Iniziava, quindi, un inseguimento che attraverso San Vito, Lama, Salinella portava al Borgo di Taranto e precisamente in via Leonida.

Qui,  a causa del traffico, il fuggitivo era costretto a rallentare l’andatura ma non prima di aver tamponato altre due autovetture. A quel punto i militari tentavano di aprire gli sportelli dell’auto del giovane che di tutta risposta innestava la marcia indietro speronando la vettura degli stessi militari. Dopo qualche momento concitato, il giovane è stato bloccato ed ammanettato. I due giovani sono stati portati in caserma. Il conducente è stato arrestato e, tra l’altro, non aveva mai conseguito la patente di guida”.


Annunci


Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to