Taranto, De Magistris con Fornaro

Il documento certifica il percorso avviato da un paio di mesi. Taranto come in Italia. O quasi, perché all’appello mancherà Sinistra Italiana con la quale il cartello elettorale pro Fornaro ha dialogato sino alla sera del mercoledì  prima di Pasqua (nel tentativo di allargare la coalizione, alla presenza anche di Dante Capriulo che continua per la sua strada).


 

Riepilogando: De Magistris (sindaco di Napoli, leader di un movimento civista di sinistra) e Civati (Possibile ovviamente era già in campo con la Lemma)   a Taranto sosterranno Fornaro, aggiungendosi ai Verdi. E’ la ratifica nazionale dell’accordo sottoscritto a Taranto tra l’ex consigliera regionale  e Taranto Respira (Bonelli). Dunque, nasce ufficialmente il polo ambientalista che guarda a sinistra e  allarga il raggio anche ad ambienti più moderati (Barbaro). Storie e convinzioni diverse, alcune delle quali culturalmente inconciliabili, messe da parte lungo il cammino che nelle intenzioni dei protagonisti porta al Comune.



Sinistra Italiana, intanto, ha già comunicato ufficialmente di aver aderito al progetto amministrativo dell’ex procuratore Franco Sebastio, dopo aver incassato il no dei Verdi all’accordo che avrebbe sicuramente  fatto scricchiolare la coalizione alla luce del processo Ambiente Svenduto. Intesa che a quanto pare sul versante “Sebastio” non produce scosse telluriche…

Intanto, Fornaro accoglie le adesioni che vengono da lontano..  “Chi pensa che sia il sindaco di pochi, dovrà ricredersi – si legge intanto nel comunicato stampa della coalizione –  Vincenzo Fornaro continua a raccogliere consensi in tutta Italia. Cresce di giorno in giorno il numero dei sostenitori in città e al contempo nomi importanti della politica nazionale si avvicinano al candidato sindaco Fornaro e lo esortano ad andare avanti lungo questa strada in salita, costellata da nuovi volti con al seguito ‘soliti noti’, disposti a tutto per un posto in Comune”.

vincenzo-fornaro-1

L’APPOGGIO DEI VERDI (scontato, Bonelli sarà anche capolista di Taranto Respira)


“Il primo ad ufficializzare il suo sostegno, figlio di tempi lontani, è il leader nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, già consigliere comunale d’opposizione, oggi capolista di ‘Taranto respira’ – ricordano giustamente dall’ufficio stampa – Vincenzo ha un’idea vincente di città. Il suo progetto sono convinto che tra i due mari porterà benessere, lavoro, qualità della vita e turismo. La sua è una battaglia sincera per il bene della comunità, al contrario di chi permette che in questa terra vengano ancora concentrati impianti altamente inquinanti. Ho accettato volentieri l’invito di Vincenzo a scendere in campo come capolista – ha spiegato Bonelli – perché amo questa città e penso che cambiando Taranto si possa dare all’Italia un segnale forte, anche a livello nazionale. E a chi ci dice che tutelando salute e vita, non tuteliamo il lavoro, rispondo che con Vincenzo vince un progetto di riconversione che vuole costruire un’alleanza con gli operai e con tutte le categorie professionali del territorio, che in questi anni hanno risentito fortemente del flop dell’industria pesante».

​​IL SOSTEGNO DI POSSIBILE

«Vincenzo Fornaro è espressione concreta di quello che intendiamo quando parliamo di un’Italia che si rimbocca le maniche, – spiega Pippo Civati – che smette di lamentarsi per proporre idee e prospettare obiettivi, senza al contempo abbandonare le rivendicazioni per i propri diritti, primo fra tutti quello alla salute e alla vita. Vincenzo nel suo programma politico racconta di  una città finalmente ‘normale’, dove si investa in lavori green, nel turismo, nella scuola. Una città in cui funzioni la raccolta differenziata, la viabilità. Racconta di una città che va oltre le divisioni e prova ad unirsi cercando punti comuni, piuttosto che differenze. Taranto merita tutto questo e con lui ed Anna Rita Lemma ad appoggiarlo, è davvero POSSIBILE».

 

 

IL Sì DI DE MAGISTRIS

Tra i candidati in riva allo Jonio l’hanno corteggiato in tanti ma Luigi De Magistris ha deciso senza esitazioni da che parte stare. Quella di Vincenzo Fornaro sindaco. «Abbiamo ricevuto varie richieste dai territori in questi mesi – conferma Claudio de Magistris, segretario di Dema e fratello dell’ex magistrato, sindaco di Napoli – e abbiamo deciso di sostenere candidati che sono fortemente impegnati in lotte a difesa dei territori e dei lavoratori. Per questo, su Taranto, non abbiamo avuto dubbi nel caldeggiare la candidatura a sindaco di Vincenzo Fornaro, che siamo certi saprà guidare al meglio la città pugliese in questo delicato momento di passaggio».

 


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Scheduled