Taranto, detenuti impegnati in lavori di pubblica utilità

Taranto, detenuti impegnati in lavori di pubblica utilità

I detenuti della casa circondariale di Taranto saranno impegnati in lavori di pubblica utilità in città. Questa la finalità del protocollo d’intesa che sarà siglato lunedì prossimo, 4 marzo, tra la direttrice del carcere, Stefania Baldassari e l’associazione Retake Taranto. Si tratta di un’iniziativa inedita nel sistema penitenziario italiano che “potrebbe diventare – sottolinea la direttrice – un modello di buone prassi da proporre anche in altre sedi”.


Il protocollo d’intesa intende favorire l’impiego volontario dei detenuti del carcere  “Carmelo Magli” in attività di decoro urbano al fine di sensibilizzare i cittadini su temi come il sostegno e il reinserimento sociale della popolazione carceraria. Numerose le attività ipotizzate: cura delle aiuole cittadine, ripristino della funzionalità dell’arredo urbano, rimozione scritte vandaliche che imbrattano edifici e monumenti, rimozione dei rifiuti abbandonati ai margini delle strade, pulizia delle spiagge, raccolta plastica.



Il protocollo d’intesa sarà sottoscritto lunedì alle 11, nella sala Zaccheo della Casa circondariale di Taranto. E’ prevista la partecipazione della direttrice Stefania Baldassari e di Alessandra Laghezza in rappresentanza dell’associazione Retake Taranto.


Annunci

Dove andare a Taranto