Taranto, il Mar Piccolo diventerà un parco naturale?

Taranto, il Mar Piccolo diventerà un parco naturale?

L’area del Mar Piccolo diventerà un parco naturale? Questa la proposta al centro dell’iniziativa in programma mercoledì 30 maggio 2018, alle 17, nel salone della Biblioteca Acclavio. L’incontro è organizzato dall’associazione “Amici del Q. Ennio” presieduta da Salvatore Aloisio e rientra nell’ambito delle celebrazioni per i 50 anni del liceo classico tarantino.


Sono previsti gli interventi della prof.ssa Raffaella Serafino , docente di scienze biologiche, chimiche e naturali, di Fernando Rubino, ricercatore del CNR e del dott. Vito Crisanti, dottore forestale naturalista paesaggista. I lavori saranno coordinati da Enzo Ferrari, direttore di Taranto BuonaSera.



“Il Mar Piccolo – spiega Crisanti – può considerarsi un ecosistema da estuario: rappresenta infatti la sede privilegiata dove hanno termine i fenomeni idrici sotterranei di una parte importante del territorio carsico pugliese, lì dove le acque dolci incontrano la terra e la costa più interna del Golfo di Taranto e del Mare Ionio. Nonostante la perdurante condizione di inquinamento, il Mar Piccolo manifesta confortanti segni di ripresa ambientale, come testimoniano la ricchezza della biodiversità e le specie rare ospitate presso le sorgenti sottomarine (i “citri”) e nella Riserva Naturale la Vela. E’ un’area che possiede rilevanti potenzialità produttive, naturalistiche e paesaggistiche”.


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to