TEMPA ROSSA: il TAR giudica inammissibile il ricorso contro il Comune di Taranto

NO al ricorso di Tempa Rossa. Di fatto, di questo si tratta.

In esclusiva, La Ringhiera e’ in possesso dell’ordinanza emessa venerdì scorso dal presidente della Prima Sezione del TAR di Lecce, tribunale a cui la Total si era rivolta per ricorrere contro il no del Consiglio comunale tarantino all’avvio del progetto che alla città (fatta eccezione per gli industriali) non piace.


Il TAR giudica inammissibile il ricorso per decorrenza dei termini.
Uno scivolone legale della Total che annulla l’effetto della mancata costituzione in giudizio del Comune, scelta comunque incomprensibile che ha giustamente attirato gli strali, nei giorni scorsi, dei consiglieri di opposizione Capriulo e Venere.
E se qualcuno sperava che la mancata costituzione della difesa al TAR potesse consentire il via libera dei lavori, oggi è rimasto deluso: il TAR giudica inammissibile il ricorso e il prossimo 7 ottobre dovrebbe bocciarlo definitivamente al termine della procedura.
Tempa Rossa non piace ai tarantini perché il ricavo sociale (lavoro) e’ nettamente più basso (12% in più di emissioni rispetto al dramma attuale) dei costi ambientali e sanitari.
Senza contare l’incremento del traffico di petroliere, a poca distanza dalla costa occidentale tarantina.



tar1 Tar2


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to