Trent’anni fa l’esodo degli albanesi in Puglia

Trent’anni fa l’esodo degli albanesi in Puglia

Il 7 marzo del 1991 la città di Brindisi si risvegliò con decine di navi, con a bordo 27mila albanesi, provenienti dall’altra sponda dell’Adriatico. E poi lo sbarco a Bari della nave Vlora, l’8 agosto del 1991, con l’arrivo di 20mila albanesi.


Avvenimenti che hanno segnato profondamente i rapporti tra il popolo pugliese e il popolo albanese. La Regione Puglia nel trentennale dell’emigrazione albanese, venerdì 5 marzo ricorderà questi eventi con una seduta straordinaria del Consiglio regionale.



Parteciperanno il Primo Ministro dell’Albania Edi Rama ed il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Interverranno il presidente della Regione Michele Emiliano, la presidente del Consiglio Loredana Capone.

Tra gli eventi che precederanno la seduta consiliare è prevista l’inaugurazione della mostra “Exodus”, a cura di Nicola Genco, allestita nell’Agorà del Palazzo del Consiglio regionale e l’esibizione del violoncellista Redi Hasa. Negli stessi spazi è allestita la mostra “Compagni e Angeli” a cura di Alfredo Pirri.

I Rettori delle Università Pugliesi consegneranno al Primo ministro Rama una copia del Manuale per la ripartenza “Regioni Sicure” tradotto in lingua albanese e redatto grazie al lavoro di 130 personalità del mondo scientifico delle quattro Università con il coordinamento dell’associazione culturale “L’Isola che non c’è”.



Annunci

Dove andare a Taranto

MarTA, marzo al femminile
from to
Scheduled