Turismo, Taranto si presenta: ecco il Falanto Educational Tour

Turismo, Taranto si presenta: ecco il Falanto Educational Tour

Dall’1 al 5 ottobre 2018 Taranto sarà protagonista del “Flanto Educationl Tour ‐ fam trip sul
turismo crocieristico a Taranto”. L’idea nasce dalla volontà di contaminare l’esperienza di viaggio degli “ospiti” individuati tra giornalisti, blogger, influencer e operatori (buyer) di rilievo nazionale ed internazionale nel settore crocieristico. Per cinque giorni i partecipanti diventeranno i protagonisti di un educational tour durante il quale entreranno in contatto con le principali attrattive del territorio tarantino.


Ciascuna giornata sarà caratterizzata da un elemento a forte connotazione identitaria: le radici, il mare, la
terra. “Obiettivo generale dell’iniziativa – spiega Sergio Prete, presidente dell’Autorità di sistema portuale dello Ionio – è la promozione del turismo crocieristico quale segmento in grado di contribuire al miglioramento ed al consolidamento del brand Taranto presso gli operatori del settore e,
quindi, all’inclusione dello scalo ionico nella pianificazione di nuovi itinerari crocieristici e di nuove
escursioni, differenti da quelle già tradizionalmente gettonate, il linea con le strategie del Piano strategico
del turismo 2016‐2025 Puglia 365. Le finalità del progetto sono state condivise con il Comune di Taranto
e l’Associazione MedCruise di cui l’Autorità è socio”.



Sergio Prete (Autorità portuale del Mar Ionio)

“La soluzione del fam trip  – aggiunge Prete – si configura quale strumento strategico ed innovativo per la promozione della città di Taranto nella sua veste di meta crocieristica emergente nell’area Med, poiché in grado di orientare influencer e decision maker ‐ figure professionali già attente ed abituate ad una mirata valutazione di mete e destinazioni turistiche nonché delle dinamiche di marketing tipiche del settore cruising  ‐  verso conoscenza diretta e di sperimentazione di nuovi modelli di turismo emozionale”.

Durante il fam trip gli ospiti conosceranno Taranto, città dei due mari e dei delfini (attività di dolphin watching); apprenderanno i progetti di sviluppo del porto, con particolare riferimento al settore crocieristico e del turismo; scopriranno i tesori custoditi nel Museo Archeologico Nazionale di Taranto, con cui l’AdSP ha sottoscritto un protocollo di intesa finalizzato alla promozione e valorizzazione turistica della città; visiteranno la “terra delle gravine” ed il suo immenso patrimonio rupestre; saranno coinvolti in attività laboratoriali a Grottaglie, città delle ceramiche e dell’artigianato; ammireranno la Valle d’Itria e la sua natura incontaminata; vivranno momenti di condivisione e contatto con i sapori e le tradizioni nei luoghi più veri del territorio, nelle masserie e nelle terre del primitivo, lì dove ci sono le radici dell’autentica pugliesità.


Ai buyer/operatori del settore cruising sarà, inoltre, chiesto di produrre un feedback report che specifichi
quella che è l’offerta già presente nei propri itinerari crocieristici e l’intenzione nonché le reali possibilità di
inserire Taranto nella propria offerta e programmazione. “Il tour prende il nome di Falanto – spiega il presidente dell’Autorità portuale – in connessione con il progetto simbolo dello sviluppo turistico della città di Taranto che, nel mare, vede la sua più grande risorsa: l’erigendo Falanto Port Service Center, un complesso polivalente adibito a stazione marittima e a contenitore di attività culturali e ricreative per tutta la cittadinanza, sia nell’ottica di una riqualificazione del waterfront portuale – generatore di qualità urbana ‐  e di integrazione tra la città e il porto ma anche di generazione di una continuità tra spazi pubblici e interconnessioni pedonali, in linea con le grandi città portuali europee già contaminate dal processo di
rigenerazione sostenibile del turismo costiero, marittimo e dell’entroterra finalizzato alla promozione di un
marchio regionale comune”.


Annunci

Dove andare a Taranto

Tarentum, la nuova stagione
from to
Periferie, il Crest racconta l'Italia in sei spettacoli
from to